MOSTRA D&T

Comitato Scientifico

Vanni Pasca | Direttore Scientico di Abadir

Dario Russo | Coordinatore del Corso di Laurea in Disegno Industriale UNIPA

Paolo Tamborrini | Coordinatore del collegio Design POLITO

Università degli Studi di Palermo

Laboratorio di disegno industriale III

Coordinato da Dario Russo

Propone una selezione eterogenea di brief aziendali che stimolano gli studenti a sviluppare proposte progettuali innovative sia in ambito tecnologico che sociale. I campi di applicazione sono svariati: design degli interni, design della luce, comunicazione visiva, design del prodotto, optotecnologia, domotica, ecc. Tra i progetti nati in occasione dell’ultima edizione del Laboratorio saranno esposti in mostra: sistemi compositivi, mobili e complementi d’arredo (GervasiXL, Flou-Natevo e Primek-Insolid), un tavolino display per il vino (The Apartment-Bottone), sedute stampate in 3D e personalizzate in direzione medico-posturale (IDEA-WASP), oggetti tecno-etici per la depurazione dell'acqua (Zerica), arredi storici rivisitati in chiave ipertecnologica (Caruso Handmade), il progetto del marchio e la brand indentity del CLAB palermitano, e campagna social per il lancio di un nuovo brand (Covema Vernici – I colori della Terra).

Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”

Laboratorio di Industrial Design 1
Laboratorio di Design per la Moda 1

Coordinati da Claudio Gambardella

Presenta i prototipi di merchandising universitario scaturiti dalla collaborazione tra il Laboratorio di Industrial Design 1 “A” e Caracol Studio di Lomazzo (CO) e dalla collaborazione tra il Laboratorio di Design per la Moda 1 “A” e la sartoria della Cooperativa Sociale “La Roccia” del Centro Hurtado di Scampia a Napoli. A.A. 2016-2017 e A.A. 2017-2018. I primi sono realizzati con robot e stampanti 3D; i secondi sono accessori per la moda.

Politecnico di Bari

Laboratorio di sintesi finale

Coordinato da Rossana Carullo

Si occupano del design “Puer Apuliae” – figlio di Puglia, epiteto di Federico II di Svevia –, un progetto di ricerca che affonda le mani nell’idea di mediterraneità, nella sua eredità culturale e materiale, per giungere al ruolo che essa ha consapevolmente giocato nella contemporaneità in alternativa alla “razionalità” della produzione industriale da cui è nata la civiltà moderna. Attraverso la
trasformazione di artefatti appartenenti alla cultura contadina e tradizionale, si vorrà dimostrare come possa essere sviluppato il valore di Heritage contenuto nei saperi tradizionali unitamente alla potenzialità di una trasfigurazione nei processi industriali e nel mercato globale (in collaborazione con le aziende Fondazione per l’antica tessitura salentina Le Costantine, Lanificio Leo, Innex Srl, Pecore Attive startup per la produzione di lana autoctona pugliese,
Coopertiva di produzione del pisello nano di Zollino).

Sapienza Università di Roma

Atelier
di Product Design

Coordinato da Carlo Martino

Ha voluto recuperare l’arredamento come ambito di sperimentazione, e nello specifico il mobile imbottito, collaborando con un’azienda leader del distretto industriale dell’imbottito di Matera: Calia Italia. La metodologia del Design Thinking è stata applicata in molte delle sue parti, prima tra tutte nelle modalità di analisi di tipo empatico. Con gli strumenti poi a disposizione in un laboratorio del terzo anno, si è provveduto a sviluppare soluzioni innovative e più aderenti a fabbisogni di comfort latenti e a validarle attraverso prototipi in scala.

Università di Camerino

Laboratorio di Disegno Industriale 3

Coordinato da Lucia Pietroni e Marco Elia

Sviluppa ogni anno temi progettuali in collaborazione con aziende del territorio, per offrire agli studenti del terzo anno del Corso di Laurea in Disegno Industriale e Ambientale l’opportunità di progettare nuovi prodotti e sistemi di prodotti, dal concept al prototipo funzionante, al packaging, alle strategie di comunicazione in linea con l’identità del brand aziendale. Da due anni il partner aziendale del Laboratorio è la Fratelli Guzzini, azienda marchigiana leader nel settore dei casalinghi, con un brief progettuale che esplora le nuove forme di convivialità in cucina e in tavola e i nuovi stili di vita legati al “mangiare e vivere sano”. I prodotti, progettati e sviluppati per un target di utenza giovane e internazionale, interpretano scenari di vita domestica in cui si intersecano le nuove ritualità di preparazione e consumo di cibi e bevande, la qualità e il valore degli alimenti, le attuali esigenze di uno stile di vita sano, salubre e sostenibile, coniugandoli con l’identità culturale del brand.

Università degli Studi di Firenze

Laboratorio Ergonomia & Design (LED)

Diretto da Francesca Tosi

Il Laboratorio LED opera nell’ambito dell’Ergonomia e in particolare dello Human-Centred Design – User Experience, per la progettazione di ambienti, prodotti, servizi e attrezzature, e collabora con numerose aziende: Technogym S.P.A., Ferragamo S.PA., Effeti cucine, Trigano S.P.A., COOP GDO, Brunello Cucinelli, Whirlpool corporation, De’Longhi Appliances s.r.l - Divisione Commerciale Ariete, Nuova Pasquini & Bini S.P.A., DiShape-Monolite UK l.t.d, Moretti dispositivi medici S.P.A., Mayer, Azienda Ospedaliero-Universitaria.
All’interno della mostra saranno presentati due progetti di ricerca sviluppati in collaborazione con le aziende toscane Trigano S.P.A e Effeti Cucine.
La ricerca Triaca condotta in collaborazione con l’azienda Trigano S.P.A, è stata finalizzata alla realizzazione di un camper innovativo in termini di sostenibilità ambientale, efficienza energetica e caratteristiche ergonomiche e funzionali dello spazio. La ricerca ha portato allo sviluppo del modello Concept Open Space 230 che attualmente è commercializzato dall’azienda con il nome di Triaca 230 TL/232 TL. La ricerca Ecologia ed Ergonomia in Cucina condotta in collaborazione con Effeti cucine, ha portato allo sviluppo di un prototipo funzionante di cucina smart. L’obiettivo specifico è stato quello di definire nuovi scenari d’uso del contesto domestico, che mettano al centro della produzione non soltanto l’innovazione estetico-funzionale e lo sviluppo economico, ma soprattutto il rispetto dell’uomo e dell’ambiente.

Università degli Studi di Genova

Laboratorio di Design 1

Coordinato da Niccolò Casiddu

Ha come obiettivo primario quello di fornire un metodo di analisi delle problematiche legate alla fruizione di spazi e arredamenti pubblici da parte di un vasto pubblico, con conseguente sviluppo di un progetto legato a nuovi modelli, strategie, servizi e prodotti che possano migliorare l’esperienza di utilizzo degli utenti. In particolare, si chiede agli studenti di sviluppare un bagno mobile modulare per Exposanità 2018 da realizzare come prototipo da allestire tra i padiglioni dell’esposizione in collaborazione con l’azienda Fashion Toilet.

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Laboratorio
di Sintesi Finale Laboratorio di Design
di Prodotto-Servizio
Laboratorio di Design
dei Sistemi

Coordinati da Flaviano Celaschi

Propongono lo studio e lo sviluppo di idee, progetti e prodotti incentrati sulle esigenze di imprese, istituzioni, associazioni, fondazioni che mirano a innovare contemporaneamente processi e prodotti a vantaggio dell’area regionale emiliano-romagnola e non solo, mettendo in connessione linguaggi, nuove tecnologie e competenze del territorio. All’interno del Laboratorio di Sintesi Finale, i processi e i metodi del design sono applicati a brief di progetto concordati con diverse realtà: espongono in mostra Dainese S.p.A., FabLab Faenza, IMA S.p.A., Panico Concerti. Il Laboratorio di Design di Prodotto-Servizio ha inteso esplorare procedimenti costruttivi ecocompatibili per la progettazione di componenti prefabbricati di involucro “attivo”, adattabile ed efficiente, da assemblare a secco. In collaborazione con Ceramiche Refin S.p.A., i sistemi di facciata sono studiati al fine di far risaltare le ceramiche come elemento architettonico. Nel Laboratorio di Design dei Sistemi, in collaborazione con G.D S.p.A., attraverso la realizzazione di un packaging l’esperienza progettuale si propone di entrare nella filiera del confezionamento delle merci e comprendere come le tecnologie abilitanti della quarta rivoluzione industriale possano produrre nuovo valore per il consumatore.

Università degli Studi di Ferrara

Lab MD

Coordinato da Alfonso Acocella

Propone lo studio e sviluppo di idee, progetti e prodotti incentrati sulle esigenze di istituzioni, associazioni, aziende di produzione che mirano a innalzare il livello di competizione nei mercati adottando una strategia di responsabilità sociale. Presentano il progetto di rafforzamento dell’immagine e posizionamento dell’Ateneo ferrarese, attraverso una strategia di re-branding che pone al centro il design e l’applicazione della nuova identità visiva istituzionale.

Politecnico di Torino

Innovation Design Lab

Coordinato da Paolo Tamborrini

Fondato insieme a Andrea Gaiardo, Chiara Remondino e Barbara Stabellini, è un laboratorio progettuale sull’innovazione guidata dal design con una visione imprenditoriale. Vuole essere un hub ideale per il confronto, lo studio, la ricerca e la progettazione dell’innovazione guidata dal design con una particolare attenzione al contesto e alla sostenibilità. Per l’occasione vengono presentati ed esposti i progetti sviluppati in collaborazione con alcune realtà aziendali del territorio torinese quali i progetti: Break/Cups con Bibo, il rilancio della Carmencita in collaborazione con Lavazza, e Tell+Write con l’azienda Stilolinea.

Politecnico di Milano

Laboratorio
di Sintesi finale
Workshop Contenitori
di Idee Ghelfi Ondulati
Workshop NextMaterials
Workshop VANS

Coordinati da Venanzio Arquilla, Mario Bisson e Barbara Del Curto

Sono corsi integrati dove competenze di design e di ingegneria collaborano per la realizzazione del processo di apprendimento di strumenti e metodi del design. Grazie alla collaborazione di molteplici aziende presenti sul territorio nazionale e internazionale, i Lab affrontano il tema del progetto di prodotto con una visione antropocentrica, applicando studi ergonomici, antropometrici, cinesiologici, percettivi, psicologici.

Libera Università di Bolzano

Laboratorio WUP | «Warm up»

Coordinato da Antonino Benincasa

Si occupa degli aspetti che accomunano designer e artisti, ovvero il poter produrre messaggi che coinvolgano tutti i sensi e provocare analisi critiche dello status quo tramite le loro creazioni. Il laboratorio si dedica alla formazione di base artistica e progettuale degli studenti del I semestre nell’ambito del design della comunicazione visiva. La formazione, orientata alla pratica, mira a consentire di utilizzare conoscenze teoriche e abilità pratiche che spaziano tra comunicazione, editoria culturale e self publishing.

  • 2018 ©D&T. All Right Reserved.

    Design & Development by mbsign